Collezione d'Arte

Durante il '500 ed il '600, era consueto, per i nobili genovesi, farsi ritrarre dagli artisti contemporanei più famosi. Questi ritratti dei componenti della famiglia Balbi diventarono una parte importante della loro collezione.

Nel '600 i Balbi che vivevano ad Antwerp nel Belgio erano amici di Antonio Van Dyck. Il padre dell'artista si occupava dello scambio di seta, come del resto faceva la famiglia Balbi. Alcuni storici concordano che fu la famiglia Balbi a far venire l'artista a Genova dove visse per quattro anni, dipingendo la nobiltà genovese, di cui faceva parte la famiglia Balbi.

Gerolamo Balbi commissionò diversi ritratti della figlia, Battina (in alto a destra ed in basso a destra), e dei suoi figli Giò Paolo (a sinistra) e Bartolomeo, entrambi a cavallo. L'inventario di Gerolamo includeva un ritratto di se stesso in costume da Senatore e uno di se stesso in compagnia di un cane. Il suo inventario comprendeva anche i ritratti che Van Dyck fece dei suoi due nipoti, Giò Agostino ed Ottaviano Balbi quando erano bambini. Un altro ritratto di Van Dyck potrebbe essere quello di Giò Agostino da adulto, ma che per il momento viene classificato quale "soggetto sconosciuto" (a sinistra).

Nel 1730, furono selezionati i migliori 100 dipinti genovesi. Fra questi vennero incluse otto opere dalla collezione di Francesco Maria Balbi II, nipote del primo marchese Balbi di Piovera. I Balbi compravano e vendevano i dipinti quali agenti d'arte. Stefano Balbi si occupava dei dipinti di Tiziano, forse per motivi d'affari. La maggior parte delle trattative di opere d'arte venivano fatte con Venezia e con minore intensità con la Svezia e la Spagna.

Nel 1802 la collezione della famiglia Balbi fu offerta al Sig. Irving che era il rappresentante del presidente statunitense Buchanan a Genova. Più di cento anni dopo, altre parti della collezione furono donate a Woodrow Wilson, presidente degli Stati Uniti.

The Balbi Children

By Anthony Van Dyck, 1625-27
The National Gallery, London

Battina Balbi Durazzo Invrea and Sons



By Anthony Van Dyke, 1627
Palazzo Durazzo-Pallavicini, Genoa

Marchesa Balbi

By Anthony Van Dyke, 1621-22
National Gallery of Art Washington D. C.

Battina Balbi Durazzo Invrea

By Anthony Van Dyke, 1627
Galleria Palatina, Florence

Caterina Balbi Durazzo

(Wearing a rose to signify pregnancy)
By Anthony Van Dyck, 1623
Located at the Palazzo Reale, Genoa

Gio Paolo Balbi

By Anthony Van Dyck, 1622
Fondazione Magani Rocca, Parma

"A Member of the Balbi Family"

By Anthony Van Dyck, 1625.
Located at the Cincinnati Art Museum.
Thought to be Gerolamo Balbi.

"Genovese Gentleman on a Horse"

Thought by some to be Gio Agostino Balbi. The Balbi family art inventory lists a Van Dyck painting of Gio Agostino Balbi on horseback, just prior to Gio Agostino's death in 1622.

By Anthony Van Dyck in 1622
Konimklijk Museum voor Schone Kunsten, Antwerp, Belgium.